Spike Lee agli Oscar 2020 con un vestito che rende omaggio a Kobe Bryant

Autore: Elena Arrisico ,

Omaggio di Spike Lee a Kobe Bryant, durante gli Oscar 2020: l’attore e regista statunitense si è, infatti, presentato sul red carpet del Dolby Theatre di Los Angeles – insieme alla moglie Tonya - indossando un completo color giallo-viola e il numero 24 ricamato sopra, dedica al cestista che ha perso la vita in un incidente insieme alla figlia.

Come riportato da Variety, appassionato di basket da sempre e alla regia - nel 2009 - del documentario Kobe: Doin' Work, Lee ha deciso di indossare uno smoking firmato da Gucci con i colori simbolo dei Lakers: il giallo e il viola. Il 24 ricamato sopra era, invece, lo storico numero di Bryant con la maglia dei Lakers. Il modello delle sneaker sono state un’altra dedica, trattandosi delle Kobe Mentality, collezione disegnata da Nike per l'ex-giocatore dei Los Angeles Lakers. Sul proprio profilo Instagram, Spike Lee ha condiviso una foto.

Advertisement

I Lee sono arrivati.

Spike Lee era molto amico di Bryant, tanto da occuparsi della realizzazione di un documentario a lui dedicato - Kobe: Doin' Work, per l’appunto – in cui la vita del cestista veniva seguita, passo dopo passo, dalle telecamere. Come riportato da ANSA, all’emittente televisiva ABC7, Lee ha detto:

Tributo, un onore e un omaggio a Kobe Bryant. Manca a tutti.

Kobe Bryant ha perso la vita lo scorso 26 gennaio a 41 anni, in un incidente in elicottero in California: insieme a lui, sono rimaste uccise anche la figlia tredicenne Gianna e sette persone, tra passeggeri e piloti. Cresciuto per gran parte della sua vita in Italia, Kobe parlava italiano fluentemente. La piccola Gianna, figlia dello sportivo, aveva ereditato il talento del padre e giocava – con la maglia numero 2 - nella Mamba Academy, la scuola di basket gestita da Bryant.

Advertisement

Kobe Bryant era sposato con Vanessa Laine. La coppia ha avuto quattro figlie: Natalia Diamante, nata nel 2003; la defunta Gianna Maria-Onore, nata nel 2006; Bianka Bella, nata nel 2016 e Capri Kobe, nata nel 2019. Le cause dell’incidente sono ancora ignote, ma si pensa che possa essere stato causato dalla fitta nebbia.

Il 24 febbraio 2020, si terrà una commemorazione per le vittime dell'incidente, organizzata da Vanessa Laine.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Terminator, scienziati realizzano un vero T-1000 [VIDEO]

Un team di scienziati ha ricreato l'iconica scena di Terminator 2 - Il Giorno del Giudizio creando un robot che evade dalle sbarre della prigione.
Autore: Erika Giacira ,
Terminator, scienziati realizzano un vero T-1000 [VIDEO]

Gli scienziati hanno realizzato un vero robot di metallo liquido in grado di fuggire dalla cella di una prigione come il T-1000 di Robert Patrick in Terminator 2: Il Giorno del Giudizio.

Infatti, come riportato da Euronews, gli scienziati hanno creato un piccolo robot grande quanto una minifigure LEGO (circa 4 centimetri di altezza), meno spaventoso di quello a grandezza d'uomo di Terminator, ma ugualmente capace di azioni che inquieterebbero ogni essere umano. Il mondo della scienza si avvicina a quello del cinema ancora una volta.

Sto cercando altri articoli per te...