Spike Lee potrebbe dirigere il live-action dedicato a Nightwatch

Autore: Antonio Preziosi ,
Copertina di Spike Lee potrebbe dirigere il live-action dedicato a Nightwatch

Sony ha iniziato da poco ad espandere l'universo cinematografico legato a Spider-Man e ai suoi personaggi. Oltre ad un film su Venom e un altro su Black Cat e Silver Sable, sembra essere Nightwatch uno dei nuovi supereroi selezionati per un film stand alone.

La sceneggiatura del film sarebbe in fase di stesura da parte di Edward Ricourt, conosciuto dai più per aver lavorato al primo capitolo del film Now You See Me. A diffondere online il rumour è stato Jeff Sneider, conduttore di Meet the Movie Press e fonte di un'altra importante notizia legata sempre al personaggio di Nightwatch.

Advertisement

Sembra proprio che Sony abbia selezionato Spike Lee regista di Fa' la cosa giusta e dell'ultimo Chi-Raq per dirigere lo stand alone. 

Advertisement

Nightwatch è apparso per la prima volta nel fumetto Web of Spider-Man #97 uscito negli USA nel mese di febbraio del 1993 e probabilmente il suo maggior momento di importanza è stato in Maximum Carnage uscito sempre nello stesso anno.

Il personaggio fuori dal costume è Kevin Trench, un medico che ha assistito alla morte di un uomo in costume da parte di terroristi armati di dispositivi di occultamento. Una volta tolta la maschera al vigilante, Trench scoprirà che il misterioso personaggio è una copia futura di sé stesso

Spike Lee attualmente non ha ancora rilasciato alcuna dichiarazione in merito alla sua partecipazione al progetto e, se accetterà, sarà la sua prima volta dietro la macchina da presa per un cinecomic.

Cosa ne pensate di un film su Nightwatch e di Spike Lee come probabile regista?

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Breaking Bad 15 anni dopo: cos'’è rimasto della serie cult?

Scoprite cosa ci ha lasciato Breaking Bad, che esordiva 15 anni fa sul piccolo schermo negli Stati Uniti sul canale AMC.
Autore: Max Borg ,
Breaking Bad 15 anni dopo: cos'’è rimasto della serie cult?

Sono passati poco più di quindici anni dal debutto di Breaking Bad, che esordì il 20 gennaio 2008 su AMC, che è oggi nel 2023 un canale importante nell’ambiente via cavo americano. All’epoca però AMC era ancora un contenitore di vecchi film americani che aveva appena iniziato a scommettere sulla programmazione originale (Mad Men era arrivato pochi mesi prima). E proprio come quel canale, lo show ideato da Vince Gilligan era qualcosa che era facile sottovalutare a prima vista. 

Furono diversi, infatti, i rifiuti da parte di vari canali televisivi, inclusa la HBO, all’epoca meta privilegiata per progetti ambiziosi con protagonisti moralmente ambigui (o, come disse Gilligan per riassumere l’arco narrativo della sua creazione, “Mr. Chips che diventa Scarface”, ossia la trasformazione di un mite insegnante in un temibile gangster).

Sto cercando altri articoli per te...