Float: il cortometraggio Pixar da non perdere

Autore: Silvia Artana ,
Disney+
1' 57''
Copertina di Float: il cortometraggio Pixar da non perdere

Tutti i bambini sono diversi. E tutti sono speciali. Ma Alex lo è in un modo davvero singolare e fa temere a suo padre il giudizio degli altri. È da questo presupposto che... prende il volo Float, il cortometraggio Pixar che affronta con una metafora garbata e toccante il tema dell'autismo.

La storia prende ispirazione dall'esperienza personale dell'autore e regista del corto, Bobby Rubio, genitore di un ragazzino al quale è stato diagnosticato un disturbo dello spettro autistico. All'inizio, per l'uomo non è stato facile accettare la diversità del figlio. Ma il rapporto e l'amore tra loro lo hanno condotto lungo un viaggio fatto di scoperta, accoglienza e comprensione, che lo ha portato a capire che la strada per la felicità è lasciare che il figlio sia sé stesso

Advertisement

Pixar Animation Studios/The Walt Disney Company Italia
Il poster di Float
Alex nel poster del corto Float di Pixar

In Float, Bobby racconta l'esperienza sua e di Alex attraverso la storia di un padre che scopre che il figlio vola. La capacità di fluttuare nell'aria del piccolo protagonista è bella e positiva, ma rappresenta una preoccupazione per l'uomo, che vive con disagio la diversità del bambino per quello che possono pensare i vicini di casa e gli altri genitori.

In un primo momento, il padre cerca di nascondere l'abilità del figlio. Ma quando Alex cresce e la sua capacità di volare viene scoperta, deve decidere se continuare a mascherare (e in definitiva negare) l'abilità del bambino o lasciare che esprima la sua vera natura.

Advertisement

Pixar Studios Animation/The Walt Disney Studios Italia
Una scena di Float
Alex mentre fluttua nell'aria e suo padre in una scena di Float

Il messaggio che Bobby vuole trasmettere con Float è che nessuno è solo nelle difficoltà e che accettare qualcuno per quello che realmente è, senza preoccuparsi del giudizio degli altri, è la strada per trovare e accettare sé stessi, amare ed essere felici.

La diversità viene presentata nella sua accezione più profonda di opportunità positiva e di occasione di crescita e l'eccezionale capacità di Alex di volare assume un significato potente nel suo essere metafora dell'autismo. 

Float rappresenta un contenuto di particolare valore per avvicinare adulti e bambini all'argomento, in occasione della Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’Autismo che cade il 2 aprile. Ma a partire dall'esperienza personale di Bobby, invita anche a una riflessione più ampia sul tema di ciò che è considerato normale e ciò che è considerato fuori dalla norma.

Advertisement

Float è scritto e diretto da Bobby Rubio e prodotto da Krissy Cababa ed è disponibile su Disney+ dal 2 aprile 2020 all'interno della serie SparkShorts, il progetto di Pixar per raccontare storie uniche e dare voce a nuovi talenti.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

Leggi per scoprire che cosa ha fatto storcene il naso allo scrittore Stephen King nel terzo episodio della serie TV The Last of Us.
Autore: Francesca Musolino ,
Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

La serie TV The Last of Us tratta dall'omonimo videogioco di Naughty Dog continua ad aumentare l'apprezzamento del pubblico episodio dopo episodio. In particolare Long Long Time ovvero il terzo episodio della serie TV The Last of Us, ha commosso ed emozionato i fan per la storia d'amore tra Frank e Bill

Tuttavia c'è anche chi come Stephen King, ha bacchettato l'episodio in questione per una scena che sembra essere fin troppo surreale. Lo scrittore ha espresso le sue perplessità in un tweet come riportiamo di seguito:

Sto cercando altri articoli per te...