C'era una volta a... Hollywood: DiCaprio parla della sua esperienza con i lanciafiamme

Autore: Francesco Ursino ,
Copertina di C'era una volta a... Hollywood: DiCaprio parla della sua esperienza con i lanciafiamme

C'era una volta a... Hollywood include numerose scene capaci di rimanere impresse nella mente dello spettatore. Per recitare al meglio queste particolari sequenze, il cast si è dovuto sottoporre a prove decisamente dure, sia da un punto di vista fisico che psicologico. Variety ha raccolto le loro dichiarazioni più interessanti durante un’intervista di gruppo.

Considerato che molti degli argomenti trattati parlano diffusamente della trama della pellicola, è da segnalare il rischio di possibili spoiler.

Advertisement

Rick Dalton, forgiato dal fuoco di mille battaglie

Spoiler alert! Click to reveal Tra le tante sequenze da ricordare del film di Quentin Tarantino, c’è sicuramente quella dove Rick Dalton (Leonardo DiCaprio) è impegnato a recitare in una scena de “I 14 Pugni di McCluskey”. La scena vede il protagonista imbracciare un lanciafiamme e incenerire alcuni nazisti, al grido dell’ormai iconica frase:

Qualcuno ha ordinato crauti flambè?!

Ma non basta, perché il lanciafiamme viene utilizzato anche nelle sequenze finali del film, dove Rick incenerisce una delle componenti della famiglia Manson che aveva tentato di uccidere lui, sua moglie e Cliff.In entrambi i casi, Leonardo DiCaprio ha dovuto davvero imbracciare un lanciafiamme per esigenze di scena. L’esperienza, secondo l’attore, è stata piuttosto intensa:

La prima volta che ho dovuto usare quel lanciafiamme è stata davvero dura – a questo proposito, tutti i più grandi stuntman della storia di questa città [si riferisce a Los Angeles, n.d.r.] sono intervenuti quel giorno, è stato fantastico. Dovevo veramente colpirli con un vero lanciafiamme e darli alle fiamme. Ho cominciato a essere in pena per loro, ma molto presto ho iniziato a preoccuparmi per me stesso, perché l’ondata di calore tornava indietro dritta sulla mia faccia. Quel giorno ho avuto un mal di testa cronico. Sapevo che avrei dovuto usare di nuovo il lanciafiamme, ma grazie a dio la seconda volta era all’aria aperta.

Anche Brad Pitt, che nel film interpreta il fedele stuntman di Rick, Cliff Booth, commenta scherzosamente la questione lanciafiamme:

Mi sono fatto una bella risata quando l’ho visto sul foglio di chiamata – Diceva: ‘Prova lanciafiamme LDC [Leonardo DiCaprio, n.d.r.].’ Allora ho pensato: ‘Oh, questo non sarà piacevole.’

Warner Bros.
Una sequenza di C'era una volta a... Hollywood con Leonardo DiCaprio

L’ansia da unica ripresa a Mike Moh

Spoiler alert! Click to reveal Insieme a DiCaprio e Pitt, anche altri membri del cast erano presenti all’intervista. Tra questi c’era Mike Moh, che in C’era una volta a… Hollywood interpreta Bruce Lee. La scelta di voler inserire la sequenza del combattimento tra l’artista marziale e Cliff Booth ha scatenato numerose polemiche, soprattutto da parte di Shannon Lee, figlia di Bruce. In ogni caso, si scopre che la scena è stata girata in una sola ripresa, secondo il volere di Tarantino. Moh, a questo proposito, ha spiegato:

Era domenica, eravamo impegnati nelle prove finali degli stunt, ed eravamo tutti tranquilli e pronti ad andarcene quando Quentin mi prende in disparte e mi dice: ‘Mike, ecco come gireremo questa scena. Ho una certa idea di come debba essere girata e dovrà essere fatta in una sola ripresa. Ed è tutto nelle tue mani, solo così la posso fare come dico io'.

Moh, allora, ha annuito, e Tarantino ha rincarato la dose dicendogli di non rovinare tutto. L’attore racconta di aver guardato il regista negli occhi e, dopo aver deglutito faticosamente, di aver detto:

Lei ha scelto l'uomo giusto, signor Tarantino.

Brad Pitt ha voluto commentare anche questo aneddoto, sottolineando l’intransigenza di Tarantino:

È un purista. Quando mi ha detto che dovevamo girare in una sola ripresa io ho detto: ‘Okay, va bene, ma c’è anche un altro modo di farlo, modi per imbrogliare. Puoi tagliare la ripresa e montare due sequenze insieme, giusto?’ E lui rispondeva: ‘No, no, no, no, no, no, questo è imbrogliare!'

Warner Bros.
Una scena di C'era una volta a... Hollywood con Cliff Booth e Bruce Lee

Margaret Qualley e la genesi di Pussycat

Spoiler alert! Click to reveal Uno dei ruoli sicuramente più iconici di C’era una volta a… Hollywood è quello di Pussycat. Si tratta della ragazza che si avvicina a Cliff e lo porta allo Spahn Ranch, dove risiedevano gli altri seguaci del criminale statunitense Charles Manson. Un personaggio che sprizza sensualità da tutti i pori, portato in scena da Margaret Qualley. La giovane attrice spiega che dopo aver sostenuto il primo provino pensava di non avere speranze di recitare sul set con Tarantino. Per questo motivo, aveva programmato di andare in vacanza col padre (Paul Qualley) a Panama. Appena arrivata a destinazione, l’interprete racconta di aver ricevuto una chiamata dal suo agente. Tarantino voleva vederla per una lettura del copione con Brad Pitt.In ogni caso, il dover recitare il ruolo di Pussycat non è stata un’esperienza del tutto piacevole. Margaret ha spiegato di aver passato notti tormentate da incubi dopo che Tarantino le consegnò tre DVD per prepararsi meglio alla parte.

Warner Bros.
Una sequenza di C'era una volta a... Hollywood

L’ultima rilevazione di un certo interesse riguarda i cori di gruppo che Tarantino usava condurre durante i vari ciak. Spesso il regista dichiarava di voler girare un’altra ripresa. E quando gli attori gli chiedevano il perché di questa richiesta, l’intera troupe si ritrovava a esclamare:

Perché amiamo fare film.

Advertisement

C’era una volta a… Hollywood segna l’inizio di una nuova era nella cinematografia di Quentin Tarantino, che grazie a un cast stellare racconta una storia tutta incentrata sulla Hollywood di fine anni ’60. Chi si è perso il film al cinema avrà presto modo di rimediare grazie all’uscita delle edizioni Home Video, attese per inizio gennaio 2020.

Qual è la vostra scena preferita di C’era una volta a… Hollywood?

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

Leggi per scoprire che cosa ha fatto storcene il naso allo scrittore Stephen King nel terzo episodio della serie TV The Last of Us.
Autore: Francesca Musolino ,
Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

La serie TV The Last of Us tratta dall'omonimo videogioco di Naughty Dog continua ad aumentare l'apprezzamento del pubblico episodio dopo episodio. In particolare Long Long Time ovvero il terzo episodio della serie TV The Last of Us, ha commosso ed emozionato i fan per la storia d'amore tra Frank e Bill

Tuttavia c'è anche chi come Stephen King, ha bacchettato l'episodio in questione per una scena che sembra essere fin troppo surreale. Lo scrittore ha espresso le sue perplessità in un tweet come riportiamo di seguito:

Sto cercando altri articoli per te...