Amsterdam, recensione: tante star, poco carisma, molta noia

Autore: Elisa Giudici ,
Recensioni
3' 11''
Copertina di Amsterdam, recensione: tante star, poco carisma, molta noia

Christian Bale, Margot Robbie, Rami Malek, Anya Taylor-Joy e Taylor Swift: Amsterdam non manca certo di star con cui ammaliare il suo pubblico. Il regista di Il lato positivo e American Hustle David O. Russell è un magnete per i grandi interpreti che piacciono al pubblico, anche ora che la sua stella sembra essersi un po’ appannata. Amsterdam è probabilmente il suo tentativo di smentire quanti lo ritengono sopravvalutato e tornare a far parlare di sé con un film brillante e con una storia molto forte. Purtroppo il gioco non gli riesce e anzi, fin dalla primissima scena d’apertura, la pellicola deraglia. Non c’è davvero nulla che si salvi ed è una vera delusione, considerando che era tra i film più attesi dell'autunno.

Il ritmo è inesistente e lunghi, inspiegabili silenzi interrompono il fluire solitamente accelerato dei dialoghi. Il tono brillante della storia, il carisma del trio di protagonisti che presenta è smorzato da un montaggio francamente inspiegabile. Sembra selezionare i peggiori take degli attori sul set, mettendoli insieme con i tagli e le tempistiche ideali per suscitare un senso di falsità e imbarazzo nel pubblico. La regia non è disprezzabile, così come la ricostruzione dell’America degli anni ‘30, sia quella dei salotti borghesi buoni sia quella opposta dei reduci di guerra sfigurati e reietti. Poca cosa, rispetto alle ambizioni di un film che, per data d’uscita e cast, puntava direttamente agli Oscar.

Advertisement
Advertisement

La trama di Amsterdam

Christian Bale e John David Washington sono Burt e Harold, due reduci di guerra che hanno messo su un’attività di consulenza medico-legale per aiutare altri ex soldati a vivere in una società che vorrebbe lasciarsi i ricordi della Prima guerra mondiale alle spalle. Burt è sfigurato, Harold un afroamericano in una società ancora profondamente razzista.

La loro amicizia ai margini finisce sotto i riflettori quando una ricca ereditiera finisce sotto una macchina e i due vengono accusati di omicidio dall’assassino della stessa. Seguono peripezie di un duo che diventa trio e vive un breve momento di sogno artistico, amoroso e bohémien ad Amsterdam. La realtà statunitense e certi giochi politici pericolosi nell’ombra però dividono il trio, di cui ora fa parte una bella e tormentata artista di nome Valerie, interpretata da Margot Robbie. Riusciranno i tre a sventare l’ascesa del fascismo in America?

Amsterdam: una storia vera che meritava un film più riuscito

Per quanto sopra le righe e attuale possa sembrare questo intreccio pieno di complotti e dietrologie, si basa su una storia vera, sinistra e poco nota: quella che vide alcune figure statunitensi di rilievo carezzare l’idea di portare su suolo statunitense le ideologie sbocciate nell’Italia di Mussolini e nella Germania di Hitler. Per questo motivo stringe un po’ il cuore vedere un film così coraggioso da tirar fuori una realtà pubblica ma per certi versi molto scomoda, quasi lanciando un grido d’allarme, naufragare malamente.

Ci sono film che partono con le migliori intenzioni, hanno tutte le carte in regola per fare bene e poi non fanno una scelta giusta che sia una. Sfortunatamente Amsterdam è uno di questi: il film comincia con il piede sbagliato, ogni tanto c’è qualche schiarita, ma in generale è un progetto noioso e molto pesante da seguire, la cui comicità e stramberia sa spesso di fasullo. Può succedere: Russell riuscirà a tornare in forma, come in passato. John David Washington invece conferma ancora una volta come Hollywood punti su di lui, senza però che si capisca perché, data la sua mancanza di carisma e talento recitativo. Forse sarebbe il caso di cominciare a puntare su un altro nome.

Commento

Nospoiler.it

50

Russell torna dopo sette anni con un film ambizioso che sbaglia tanto in partenza e non riesce mai davvero a coinvolgere. Peccato per la storia e le (poche) star che si impegnano nei loro ruoli.

Pro

  • L'atmosfera amica di Amsterdam
  • La bizzarra alchimia del trio protagonista
  • Costumi e ricostruzioni

Contro

  • Il montaggio criminale
  • La performance sciapa di John David Washington
  • Il ritmo rende tutto un po' fasullo
Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Le 5 migliori novità Sky e NOW TV della settimana [9-15 gennaio 2023]

Scopri quali sono i migliori titoli da vedere su Sky e in streaming su NOW TV per la settimana che va dal 9 al 15 gennaio 2023.
Autore: Francesca Musolino ,
Le 5 migliori novità Sky e NOW TV della settimana [9-15 gennaio 2023]

Il mese di gennaio 2023 è iniziato alla grande per quanto riguarda le nuove uscite di Sky. Ma la seconda settimana del mese continua con una lunga serie di novità. Sia in uscita sulla piattaforma che in streaming su NOW TV. 

Tra le novità in arrivo per quanto riguarda i film troviamo The Hollow Point – Punto di non ritorno. Un sanguinoso western che vede due sceriffi alleati contro un temibile cartello della droga. Per le nuove uscite della settimana Il re degli scacchi porta su Sky e in streaming su NOW TV un drammatico evento tratto da una storia vera.

Sto cercando altri articoli per te...